lunedì 16 novembre 2009

Promemoria: Intolleranze alimentari

Dove mi ero cacciata? Sono rimasta nei paraggi, silenziosa. Ho sbirciato le vostre ricette, ho tentato ripetutamente di pubblicarne qualcuna delle mie ma alla fine non ce lho proprio fatta.
-
Eppure la panificazione non sè arrestata, anzi...pane e briosches le ho sfornate come sempre; biscotti anche ma ho sempre troppo poco tempo per immortalare il risultato. Spesso, se non si tratta delle ore, ci si mette l'altro tempo...
-
...il meteo, il cielo grigio, la luce che manca, le foto non mi piacciono, i mezzi sono quelli che sono e "OK, le rifaccio e le pubblico la prossima volta và".
-
In questo modo ho rimandato diverse ricette per nulla deludenti (al contrario delle foto) e spero di poterle pubblicare presto perchè ne vale davvero la pena! Garantito ^_*
-
Oggi invece, approfitto della solita giornata di pioggia per darvi informazioni maggiori a proposito di intolleranze e/o allergie e su come riuscire (in cucina) a "togliere" con gusto...
-
...Per AGO (che qualche settimana fa mi ha posto un quesito* dal sapore di sfida ;) e per tutti coloro che vogliono saperne di più.
* "Rosaaa ciaooo!!! :-D Senti, una domanda seria :-) :secondo te, è possibile fare fette biscottate senza uova, senza olio e gluten-free? Baciuzziiii Ago :-D"
-
Se ce la fate leggete fino alla fine del post o almeno leggete la fine ;)
-
Innanzitutto, cè una differenza sostanziale tra intolleranza e allergia. Infatti, mentre quest'ultima si manifesta quasi immediatamente dopo l'ingestione di un dato alimento "non consentito", la prima ha un decorso più lento tanto da poter essere definita "allergia non allergica".
-
Il caso delle intolleranze è proprio il mio caso; nonostante molti alimenti siano sconsigliati per la mia alimentazione posso, di tanto in tanto, concedermi qualche strappo alla regola. E' importante infatti non eccedere nelle quantità e al tempo stesso nella frequenza di consumo di un dato cibo in modo da non avere conseguenze poco "simpatiche", dopo.
-
Inoltre, è di uguale importanza non "incrociare" nell'arco di una stessa giornata più di un alimento non consentito per evitare lo scatenarsi di reazioni negative sull'organismo. Possiamo dire quindi che l'intolleranza è causata da un ACCUMULO di alimenti sbagliati che a lungo andare determinano una reazione..."allergica".
-
Le intolleranze possono causare il rallentamento del metabolismo. Avete mai sentito dire a qualche vostro conoscente "Non mangio ma ingrasso lo stesso" ? Ovviamente cè caso e caso ma, a volte, anche le intolleranze incidono sul peso corporeo di un individuo. Ci sono alimenti più o meno intolleranti e conoscendoli, con un po' di pazienza, possiamo ugualmente seguire uno stile alimentare soddisfacente. Se come me, avete la passione per i fornelli, il gioco è fatto ^_^
-
Sperimenta oggi, sperimenta domani...l'intolleranza può diventare uno stimolo creativo piuttosto che soltanto un limite. E se la vocazione gastronomica vi manca? Basta informarsi un po' e troverete le soluzioni (d'altri) che fanno per voi ;)
  • INTOLLERANZE O STILE DI VITA?
Ad oggi, le intolleranze RICONOSCIUTE dalla medicina tradizionale sono quella al lattosio e la celiachia. Per tutte le altre ci si muove con cautela. Comè possibile che più del 40% della popolazione risulti afflitto da questo problema?
-
Le intolleranze alimentari causano una diminuizione delle difese immunitarie dell'organismo, da ciò possono scatenarsi patologie quali riniti, asma, congiuntiviti, dermatiti, dermatosi, eczemi, psoriasi, coliti.
-
Ma siamo certi che ognuna di queste derivi dalle intolleranze? Eliminando gli alimenti sbagliati teoricamente l'intolleranza dovrebbe diminuire fino a scomparire e di conseguenza anche le patologie. E se ciò non avviene?
-
Secondo un'indagine, su un campione di 86 persone, i soggetti esaminati non risultavano intolleranti ad alcun alimento ma lamentavano ugualmente i sintomi elencati precedentemente. Perchè? Semplice, nessuno di loro aveva un buon stile di vita.
-
Io stessa so di non avere un corretto stile di vita, dunque mi chiedo...è giusto che io mi privi dei pomodori o devo piuttosto rivedere qualcos'altro? O_o
-
Intanto che ci penso vi propongo un elenco delle più comuni intolleranze e degli alimenti "no" e "si" a cui sono associate.
  • CELIACHIA: Vietato tutto ciò che contiene glutine: biscotti, torte, pasta o pane. Esiste un prontuario apposito in cui verificare l'attendibilità di un'alimento, anche la marca è importante. Potreste stupirvi leggendo "zucchero a velo" tra gli alimenti non consentiti eppure...fate attenzione. Controllate SEMPRE che gli ingredienti utilizzati siano sicuri. SI a riso, mais, patate, latte e derivati, carne, pesce e uova, frutta e verdura. Consentiti tutti i prodotti che presentano la "spiga di grano barrata" sulla confezione.
  • INTOLLERANZA AL LATTOSIO: NO a latte e derivati. SI a latte e derivati di origine vegetale (soia, riso, mandorla, cocco etc) o latte (e derivati) di capra; olio di oliva o di semi al posto del burro (a mio parere sempre meglio della margarina) o, se vi va, burro di capra.
  • INTOLLERANZA ai LIEVITATI e alle UOVA: NO a lievito di birra e/o chimico. SI a cremortartaro, bicarbonato e lievito madre. Niente uova? Esistono in commercio preparati sostitutivi (il famoso No-Egg) non sempre però di facile reperibilità. A tal proposito leggete questo post ben fatto che vi darà delle dritte ulteriori di sicura utilità!
  • INTOLLERANZA al NICKEL: Che roba è? Io ne so qualcosa O_o E' presente praticamente in tutto o quasi. E' molto soggettiva perchè ci sono diversi livelli di intolleranza, più o meno bassi. Può essere di tipo prettamente alimentare o a contatto (stoviglie, bracciali, bigiotteria, chiavi etc) o entrambe. Io appartengo (fortunatamente) alla prima e BASTA, m'hanno levato i pomodori vi pare poco????? O_o
Proibiti: cibi in scatola, aringhe, ostriche, fagioli, asparagi, cipolle, spinaci, pomodori, piselli, funghi, mais, farina integrale, pere, rabarbaro, thè verde, cacao, cioccolato, lievito di birra e chimico, noccioline, pistacchi e menate varie O_o
-
Consentiti: carne, pesce (tranne crostacei), latte, burro, formaggi, una patata (grandezza media) al giorno. Piccole quantità di carote, riso, farina, marmellata, vino, caffè, frutta. Aiutatevi con le spezie (tutte o tutte quelle che vi piacciono) per insaporire i vostri piatti.
Faccio prima a dirvi quello che posso mangiare che dite? o_O
-
Diciamo che per ogni dubbio io sono qui S.O.S INTOLLERANZA AL NICKEL. Di pazienza ce ne vuole ma è meno tragico di quello che sembra ^_*
-
Riassumendo, siete pronti a mettervi alla prova? Siete pronti a mettere le mani in pasta? La sfida ve la propongo io...sperando non mi mandiate a quel paese O_o Quantomeno ci provo : |
-
E' solo un'anticipazione, tutto e niente certo, MA... Lo scoprirete presto! Se avete letto soltanto la fine annotate tutto per la prossima volta, potrebbe tornarvi utile :)

12 commenti:

pagnottella ha detto...

Buongiorno cara, è bello rileggerti...
dunque, anch'io sono intollerante a qualche alimento e non solo. Quando l'ho scoperto ho rivisto la mia alimentazione, stando attenta a non mangiare ciò che mi provocava i fastidiosi pruriti e la pancia gonfia etc etc.
dopo un lungo periodo di dieta, ho deciso di gettare la spugna,seguendo un'alimentazione senza privazioni, notando piccoli miglioramenti...sarà perchè la dieta ha fatto si che mi purificassi un pò.
Ora, solo quando esagero nell'assunzione di più alimenti-disturbo, avverto gli "effetti collaterali".
Pronta per la prova!
Un bacio :-)

il_cercat0re ha detto...

l'intolleranza al nickel la conosco bene, anche se ho la fortuna di non essere allergica, per lunghi periodi mi hanno fatto seguire una dieta disintossicante dal nickel per altri problemi di salute e che noia!!!!
hai ragione, è presente praticamente in tutto!

dolci a ...gogo!!! ha detto...

ciao tesoro bentornata!!!!!!!!mi sei amncata molto i sopratutto i tuoi post sempre cosi interessanti come questo di oggi!!!giovedi il mio bimbo farà le prove allergiche perche dalle analisi è risultato allergico al 100%...speriamo niente che gli condizioni troppo la vita:-(....bacioni grandi imma

Giò ha detto...

..mmmm aspetto la sfida, sarà qualcosa da preparare senza niente....
mi piacciono queste sfide, ho un'amica che ha intolleranza al nickel da contatto + leggera intolleranza a latticini, crostacei e quindi mi piace sperimentare in questo senso!

Daphne ha detto...

Pagnottella:
Buongiornino a te ^_^
E' bello vedere che sei tornata anche tu :)
Da quanto mancavi!
Esattamente come te ho seguito una specie di dieta disintossicante e adesso limito semplicemente il consumo degli alimenti non consentiti :)
Pronta per la prova?Non avevo dubbi ^_^
Ma...speriamo che non cambierai idea quando vedrai di che si tratta :D
Bacioni!

IlCercatore:
Allora siamo già a 3 :D
Effettivamente è una scocciatura ma almeno noi ci impegniamo a spadellare!Per certi versi è divertente ^_^

Imma:
:O mattù guarda che coincidenza..speriamo bene per il tuo bimbo :)
Non preoccuparti, non potrà condizionare la sua vita con una super mamma cuochetta come te ^_*

Giò:
hihihi, appena ho letto la prima frase del tuo commento mè venuto da ridere :D
Prestissimissimo pubblico i dettagli di tutto ^_^
Incrocio le dita...tanto se mi lanciate i pomodori io sono contenta lo stesso...uahahah :D
***

Rossa di Sera ha detto...

Ciao, tesorina, ben tornata!
Aspettavo una ricettina, ma .. pazioenza.. ANche questo è un'argomento molto serio..
Ascolta, posso fare una piccola aggiunta?.. Gli intolleranti al lattosio possono assumere anche il kefir! Anche se è fatto con il latte vaccino, i fermenti particolari che contiene, "mangiano" il lattosio e rendono il prodotto innocuo!
Un bacione, a presto!
(scusa se non ti ho ancora risposto...)

Ago ha detto...

Ah ma quanto sono contenta che da quello che ti ho scritto è scaturito tutto ciò!!! :-D
Anch'io sono allergica, ma il mio problema più grosso è che ho dei periodi di concentrazione di istamina...non ho allergie agli alimenti...intolleranze dicono di no (ma non ne sono proprio sicura)...fatto sta che mi devo mettere a dieta almeno una volta l'anno per disintossicarmi e poi posso riprendere a mangiare tutto...
Anch'io la penso come te sullo stile di vita, infatti sto cercando di modificare quello (non per niente, quando seguo un buon stile di vita e non esagero nell'alimentazione, sto benissimo)!
Voglio vedere proprio di che sfida si tratta :-D Io sono presentissima :-DDD
Bacissimiii
Ago :-D

Tania ha detto...

La coas importante è che la panificazione stia continuando, ci asrà tempo e modo per fare foto che ti piacciono o comunque per postare ;-)
Informazioni utilissime quelle del post! Mi hai messo curiosità riguardo alla sfida, informaci presto!!! Bacioni.

Daphne ha detto...

Rossa/Giulia:
Puoi fare tutte le aggiunte che vuoi!anzi, non lo sapevo mica del kefir!utilissimo!lho detto a una mia amica intollerante al lattosio ^_^
Non preoccuparti per la risposta***

Ago:
ehehe vediamo, io propongo..rischierò :)
Era da tanto che mi riproponevo di fare un post tutto intolleranze, brava ad avermi stimolata in questo con la tua domanda ^_^

Tania:
Mi do da fare e pubblico tutto prima possibile.
Anche perchè data la difficoltà è meglio partire d'anticipo (forse avrei dovuto ancora prima ma non ce lho fatta O_o)
Speriam bene ^_^
baci**

Ciboulette ha detto...

Il post e' molto interessante e accurato Daphne, brava!
Io ho accennato spesso ad una intolleranza un po' particolare di cui soffre mia mamma, che si sta riducendo davvero a mangiare in tutto una decina di alimenti, condimenti e frutta compresi, e nonostante cio' non sta mai mai bene....credo che a parte le intolleranze ben conosciute come qelle che tu hai descritto (e che conosci personalmente, ahime'), ce ne siano altre di cui si sa pochissimo.
Cmq, la tua passione e bravura in cucina e' doppiamente da ammirare per le limitazioni che ti sono imposte!!
Un abbraccio, e sciogli subito il mistero! :)

Sarah ha detto...

Caspita è una vita che non passavo da te, e arrivo su questo post interessantissimo.
Pur non soffrendo di intolleranze ed allergie varie e non avendo questo "problema" tra amici e parenti (almeno che si sappia) è sempre un promemoria utilissimo.

mariagrazia ha detto...

grazie per il tuo invito, è un onore grandissimo!
in effetti quest'anno vorrei cimentarmi con il pandoro vegan... se riesco a farne uno decente mi iscrivo al tuo bellissimo contest, soprattutto lodevole e natalizio nella motivazione: dare un dolcetto delle feste a tutti!
;)