lunedì 14 dicembre 2009

Un po' fata, un po' fattucchiera

Ultimamente i post scarseggiano e non perchè non abbia da dire o da mostrare...come al solito è il tempo, il lavoro che assorbe tutto. Nonostante questo continuo a cucinare, a sperimentare e regalare. La maggior parte delle cose che cucino finiscono nelle pance di amici e conoscenti, la mia soddisfazione principale sta più nel risultato.
°
INNANZITUTTO, in alto a destra ho inserito un link che vi porterà direttamente alla galleria fotografica di FLICKR permettendovi di visualizzare le prime ricette in gara. Complimenti alle coraggiose food blogger che hanno deciso di fare un tentativo con il lievitato più complicato tra tutti!
°
Nonostante le polemiche scaturite nel corso di queste settimane sono sempre più convinta dell'utilità finale di questo progetto. Vi invito davvero a provare ALMENO UNA volta a realizzare la vostra personale versione del panettone.
°
Posso solo anticiparvi che, oltre al premio goloso, potreste avere un IMPORTANTE opportunità. Sbizzarritevi con la fantasia, non trascurate la farcitura (non solo uvette e canditi), vince ANCHE LA CREATIVITA'! SOPRATTUTTO NON fatevi scoraggiare dal tema intolleranze e non esitate a CHIEDERE qualunque cosa che alimenti dubbi! Son qua apposta per chiarirli.
-
Per quanto riguarda le FOTO...ho chiesto la foto della fetta per una sorta di "verifica" ma apprezzeremmo anche uno scatto del panettone per INTERO; per la categoria "miglior fotografia" potete partecipare con la foto che preferite insomma.
-
Vi ricordo ancora una volta l'email di riferimento: metamorfosinaturale@gmail.com.
°
Un po' fata, un po' fattucchiera.
-
"Se un giorno ti ammalerai di parole, come a tutti noi succede, e sarai stanca di sentirle, di dirle. Se qualsiasi parola sceglierai ti sembrerà sprecata, senza luce, sminuita. Se avrai la nausea quando senti "orribile" o "fantastico" per qualsiasi fatto, non ti curerai, ovviamente, con una zuppa di lettere.
Farai quanto segue: cuocerai al dente un piatto di spaghetti che condirai con il sugo più semplice: aglio, olio e peperoncino. Sulla pasta già rimescolata dell'intingolo suddetto, grattuggerai uno strato di parmigiano. Al lato destro del piatto fondo colmo di spaghetti conditi come ho detto, metterai un libro aperto. Al lato sinistro, metterai un libro aperto. Di fronte, un bicchiere di vino rosso secco. Qualsiasi altra compagnia non è consigliabile. Sfoglierai a caso, le pagine dell'uno e dell'altro libro, ma entrambi devono essere di poesia. Solo i buoni poeti ci curano dalla saturazione di parole. SOLO IL CIBO SEMPLICE ED ESSENZIALE CI CURA DAI PECCATI DI GOLA."
(tratto da "Trattato di culinaria per donne tristi" - Hèctor Abad Faciolince)

10 commenti:

Ago ha detto...

Rosa io son sempre qui a leggere le tue news e capisco quello che dici della voglia...ma scrivi più spesso daiiiiiiii :-D
Per il panettone hai ragione...non di solo uvetta e canditi è fatto...
e le cose più semplici sono sempre le migliori...:-DDD
Bacissimiiii e torna a scrivere più spesso :-***
Ago :-D

Susina strega del tè ha detto...

ma dove li trovi questi pezzi di brani così meravigliosi??? questo poi è stupendo!!!!
adoro il tuo blog!!
un bacione tesoro, piuttosto, tutto okke???

Fiordilatte ha detto...

Daphne ho un dubbio, mi stavo chiedendo se la ricetta per essere valida (accettata dal concorso) deve necessariamente rispettare le varie fasi di lievitazione del panettone classico. Mi spiego, se invece di metterci due giorni, elaboro una ricetta fattibile in una giornata va bene lo stesso? Grazie :) Si capisce vero che non ho affinità con le lunghissime lievitazioni???

Daphne ha detto...

Ago:
Buongiorno ^_^
Trascorso dicembre e l'intasamento causa feste natalizie magari avrò più tempo da dedicare a questo spazio :)
Mi spiace trascurare tutto e non riuscire a pubblicare diverse cose che faccio ma recupererò ;)
Ehi ehi, io aspetto la tua ricetta! ^_*
Bacioni**

Susina:
Tutto abbastanza okke :)
Ti consiglio di leggerlo questo libricino, è simpatico nonostante il titolo all'apparenza lasci immaginare tutt'altro, mi è stato regalato da una cara amica ^_^
Grazie!*

Fiordilatte:
Ciao ^_^
Non ho messo limiti al discorso tempistica per cui se vuoi fai un tentativo nella maniera che ritieni più adatta alla tua idea, l'importante è anche il risultato :)
Prova!Sono curiosa ^_^
Baci**

Fiordilatte ha detto...

ah ecco bene. Si davvero, se trovo il tempo voglio provare anche per curiosità mia :) se poi viene una ciofeca (probabile) sarà cmq stato divertente :)

La cosa che mi turba è che alla fin fine non sarà proprio un panettone. Usando il lievito madre si può ottenere un panettone classico, ma omettendo altri ingredienti...beh, sembrerà solo un panettone.

Uff (sospiro), che contest difficile hai lanciato :)

Daphne ha detto...

Fiordilatte:
ehehe, è vero, come ho detto infatti per essere definito "panettone" deve rispettare alcuni criteri per decreto legge.
MA...noi lo facciamo per un "nobile" scopo ^_^
Sono felice di sapere che farai un tentativo, dai non ti abbattere!
Sbizzarrisciti con la "farcitura", ometti Q.B. :)
Non è necessario che sia tollerabile da TUTTI, scegli una categoria ^_*
Attendo la tua versione!
Baciotti

pagnottella ha detto...

Cara spero di realizzare il panettone prima della partenza...
ma soprattutto spero di riuscire nell'intento.
baci

Giò ha detto...

...la mia fattucchiera preferita!
ti ho mandato una mail! baci

Clementina ha detto...

Complimenti per il blog. Clementina

Clementina ha detto...

Vorrei inserirti tra i miei amcici ma nojn ci riesco. Baci