martedì 21 luglio 2009

La magia continua

Sono passati un po' di giorni dall'ultima pubblicazione gastronomica. E' un periodo in cui sono un po' bloccata da diverse preoccupazioni.
Poca voglia di mangiare nonostante sempre molta voglia di cucinare.
Il pane di oggi risale alla stessa infornata della focaccia di qualche tempo fa,pubblicarli insieme non avrebbe reso giustizia a nessuno dei due.
E poi...incredibile ma vero,questo pane è nato grazie al MIO lievito!Quello più giovane dei due ^_^
Non potevo credere ai miei occhi quando,più arzillo del solito, mi ha riservato questa piacevole e ottima sorpresa.
L'ho messo a dura prova proprio con il pane che,come ben sapete, se viene male non cè verso di recuperarlo.
Una focaccia venuta male in qualche modo è mangiabile ugualmente,il pane se mattone è mattone rimane O_o

Qui non si parla di mattone invece,al contrario! Ho mangiato un pane fantastico,reso ancor più buono dalla trovata del momento. Drogata quale sono di quella meravigliosa idea della natura che è il basilico, ho pensato di utilizzarlo per arricchire una parte dell'impasto.

Nella seconda metà ho aggiunto anche semi di girasole e di papavero...per la serie...

...chi si accontenta gode e chi non si accontenta gode di più :D

Soffice,profumato e buonissimo. Un piacere per tutti i sensi. E la farina? Di Altamura che domande.
Ingredienti:
  • 200 gr di lievito madre
  • 300 gr di Manitoba
  • 100 gr di farina di Altamura di grano duro
  • 200 ml di acqua
  • 2 cucchiai di olio d'oliva di Pujja produzione casa mia
  • 1 cucchiaino di miele
  • 1 cucchiaino di sale
  • semi di papavero
  • semi di girasole
  • basilico fresco spezzettato
  • una spennellata di latte di capra
PROCEDIMENTO: in un recipiente capiente unire le farine,il lievito madre,il miele e l'olio d'oliva. Impastare energicamente per un po di minuti e unire il sale, poi l'acqua, continuare a lavorare l'impasto finchè otterremo un panetto liscio e morbido.
Coprire con un panno umido e lasciar lievitare in un luogo caldo e riparato per almeno 3 ore.
Trascorso questo tempo riprendere l'impasto e rovesciarlo su una superficie infarinata.
Stendere delicatamente il panetto che sarà raddoppiato di volume e fare le pieghe di tipo uno. Dividere in due l'impasto e stenderlo nuovamente. Una parte andremo a cospargerla con il basilico spezzettato e all'altra aggiungeremo anche i nostri semini preferiti. A questo punto fare un ultimo giro di pieghe per entrambe le parti.
Otterremo due panetti. Ogni panetto sarà suddiviso a sua volta in tre pezzature di peso più o meno uguale; stendere ogni pezzatura fino ad avere 3 rotolini con i quali andremo a formare le nostre trecce.
Coprire e lasciar lievitare ancora mezz'ora.
Nel frattempo portare il forno a una temperatura di 180°.
°
Trascorsa la mezz'ora riprendere le trecce e spennellarle con un po di latte di capra,se volete potete aggiungere i semini di papavero sulla treccia semi/basilico e rispennellare nuovamente.
Infornare per 45 minuti/un oretta. Dipenderà molto anche dal tipo di forno che possedete.
Lasciar raffreddare avvolto da un canovaccio.

Prima di salutarci vi segnalo la simpatica iniziativa del BLOG CANDY.

Io ho tentato la fortuna...e voi?Che aspettate? Se vi incuriosisce fateci un saltino, non fosse altro che per ammirare le simpatiche creazioni offerte da CandyQueen :)

Per partecipare cliccate sul bannerino in basso a destra e in bocca al lupo a tutti ^_^

Tanti auguri a chi?
A me,a lui a chi?...a noi...e a quel giorno in cui...
...con tutta ME...dedicato a TE.
...tu sai perchè.

"Mai ti si concesse un desiderio senza che inoltre ti sia concesso il potere di farlo avverare. Può darsi che tu debba faticare per questo,tuttavia."

(Richard Bach)

31 commenti:

fiOrdivanilla ha detto...

ma che... che meraviglia1!! Sono incantata da tanta bontà... si vede proprio, si vede quanto questo pane sia deliziosamente morbido, croccante fuori, sofficissimo dentro.. è un amore, mi sciolgo già solo a guardarlo! Certo... la farina fa la sua parte eh... non ce n'è.
Complimenti, è davvero bellissimo e penso proprio sia anche tremendamente buono..

pagnottella ha detto...

E questa e n'altra cosa in comune :-) la BASILICODIPENDENZAAAAAAAA...
Ma come fare in inverno????? Quello surgelato non è la stessa cosa!!!
Vabè va...
Cara! Ma questa treccia, intreccia tutto il sapore, la mrbidezza e la bontà...compresa la genuinità vedi olio Pujja ;-)
Ma quant'è bravo sto blobbino giovincello?!
Un voto? da 1 a 10...20! ihihih
E tanti auguri e non so per cosa...ma tanti auguri...
Vado a dà n'okkiata blog candy
Un abbraccio intreccioso ;-)

manu e silvia ha detto...

Ciao! mamam che meraviglia di pane! davvero particolare: l'utilizzo di ingredienti così di qualità come l'olio casalingo, la farina di altamura ed il latte di capra..lo rendono speciale e davvero unico!
complimenti, le tue ricette son sempre caratterizzate dal particolare ch ele contraddistingue e le rende d'eccellenza!
un bacione
PS: giuarda che contiamo su di te per le nostre raccolte eh??!

Ciboulette ha detto...

E cosi' anche tu sei una maga del lievito madre......complimenti davvero!!!

Qesta treccia deve essere buonissima, ma anche per i comuni utilizzzatori di lievito come me, mi sembra da provare, assolutamente!

Claudia ha detto...

splendida treccia d'amore
piena di poesia
e densa di bravura e orgoglio
brava bella dolce Daphne
***
cla

Betty ha detto...

bellissima questa treccia e dave essere davvero profumatissima, brava!
ti/vi faccio gli auguri, baciii.

Elisakitty's Kitchen ha detto...

Bel modo di usare il lievito madre! Te la copio questa...
L'idea della treccia mi piace troppo!

Artemisia Comina ha detto...

letteralmente bellissimo.

ma ho molti suggerimenti sul pane - mattone, dalle torte alle zuppe, alle creme di verdura ;))

babi ha detto...

Ma che delizia Daphne! La prima foto è così bella che mi vien voglia di mordere lo schermo del pc! Sei bravissima con i lievitati!

Daphne ha detto...

Grazie a tutte per aver apprezzato e divorato virtualmente il mio pane ^_^


Fiordivanilla:
Grazie hai descritto perfettamente il risultato :) Provalo se ti capita e informami della bontà ^_^

Pagnottella:
Per forza basilicodipendenti!Come si può resistere O_o Se ho sottomano due foglie così,scondite nude e crude divento capretta e GNAM! :D
Per quanto riguarda l'inverno,io porto da queste parti un mucchio di basilico profumoso a foglie grandi che padre coltiva in terra Pujja ^_^
Trasformo metà in pesto e l'altra parte invece la trito aiutandomi con l'olio.Faccio dei bei cubetti di basilico ghiacciandoli nel freezer che poi conservo in una bustina e utilizzo ogni volta che mi servono :)
Per esempio ne butti uno nella pentola del sugo etc ^_^
Lo so che è diverso dal basilico fresco ma è DIVERSISSIMO da quello che si vende qui a Milano in inverno pseudo-fresco.
Io non amo congelare ma sarà che si tratta di basilico "nostro",ti assicuro che è un buon diversivo in attesa dell'estate :))
Prova!Fai scorta! :D

Manu&Silvia:
Grazie mille! ^_^
A parte le farine che ovviamente ancora nessuno della mia famiglia produce,diversi alimenti provengono direttamente da casa mia e questo mi da molta soddisfazione :)
Per le raccolte in genere avevo deciso di astenermi ma se ci ripenso farò un salto lì e là e magari prima o poi ne propongo una pure io ;) ...mai dire mai no?
Grazie per la fiducia! :)

Ciboulette:
Assolutamente si!visto il buon risultato dei tuoi panini direi proprio che devi provare ^_^
Spero ti dia soddisfazione,tu fammi sapere eh :))

Daphne ha detto...

Claudia:
Arrossire mi fai *^_^*
bacini bacetti baciotti!

Betty&Elisabetty:
Grazie ad entrambe :)
Elisabetty se la provi allora lasciami un pomodorino ^_^

Artemisia:
Grazie!
Sono daccordo con te per i suggerimenti/mattone. Soltanto che..avresti dovuto vedere all'inizio che tipo di mattoni avevo creato O_o
Potevo solo tenerlo da parte e sperare di farne altri per costruire un muretto O_o
Il lievito madre all'inizio da del filo da torcere ma poooi :D
tadaaaan! baci! ^_*

Babi:
Grazieee!Emmh..com'era lo schermo? O_o
Mi sa che la prossima volta ne tengo un pezzo da parte così non ti fai male :D
Baci ^_^

Tania ha detto...

Mi fa piacere che il tuo lievito ti stia dando soddisfazioni! La morbidezza della treccia è evidente e ne sento il profumino!
P.S. Tanti auguri!

Ago ha detto...

..Ecco una ricettina che farò molto presto!!!
Oggi ho raddoppiato la mia produzione di lievitino ;-) così posso fare più cose :-DDD
L'altra volta ho fatto le freselle, troppo buone...grande soddisfazione!
la piccolina mi dà davvero soddisfazione :-D
Questa treccia è davvero bellissima...me l'immagino con quel bel profumino di basilico ed un velo di olio buono sopra...una goduria!
Per questo me la farò nei prossimi gg :-DDD
Ti mando tantissimi bacioniiiii
Ago :-D

Pupina ha detto...

Che meraviglia il pane al basilico.
Io amo i pani aromatizzati, ma poi sono sempre restia a realizzarli per paura che mi "leghino" troppo nell'abbinamento con le portate.
Ti è venuto benissimo davvero!

Daphne ha detto...

Tania:
Grazie ^_^
Sono molto felice che il mio novellino si sia risvegliato dal lungo sonno e mi fa piacere che abbiate apprezzato anche voi :)

Ago:
Prossimamente pubblicherò altri esperimenti con il lievito :)
I risultati sono sempre ottimi una volta che ingrana!Come si può tornare indietro?Non cè verso ^_^
Se provi il pane fammi sapere ok?Lasciami un pomodorino :))
Felice che ti abbia entusiasmato ^_^
Baci!

Daphne ha detto...

Pupina:
Quetto qui non lega ^_^
Se non fosse che una volta assaggiato ti lega!Ne sforneresti altri 100 uguali! :D
Il basilico poi,io lo metterei ovunque; se decidi di sperimentare sono cetta che non rimarrai affatto delusa ^_^

dolceamara ha detto...

La foto mette una voglia di addentarlo che non hai idea. Brava!!

Barbara ha detto...

Semplicemente spettacolare, brava!!

Pupina ha detto...

Delusa? Giammai!
Sono sicura che ne andrei matta, anche perchè anche a me piace moltissimo il basilico: il problema è che se lo faccio me lo finisco....da sola... in un pomeriggio....

Pippi ha detto...

...mi inchino...... ;-)
bellissima questa treccia al basilico meravigliosa......sono particolarmente affascinata dai lievitati naturali...lo sai...hehehe
non riesco a staccare gli occhi!!!! un bacio!!!!!!
Pippi

Daphne ha detto...

Dolceamara&Barbara:
Grazie a entrambe ^_^

Pupina:
Conosco il problema di cui parli infatti mi sono dovuta trattenere(non so come) per non mangiarlo in un pomeriggio O_o
L'ho finito il giorno dopo..uahahah

Pippi:
Troppo buona ^_^
Lo so eccerto che lo so :)
Grazie ancora per i tuoi validissimi consigli ovviamente :)
Bacioni ^_^*

Giò ha detto...

che favola di pane!!con gli aromi che hai scelto ci vado a nozze e l'olio di puglia regna perenne anche nella mia cucina!

Solidea ha detto...

Se l'avessi vista prima, nn avrei messo a "nana" la mia "creatura..." puoi darmi la dose eventualmente del lievito da usare in alternativa? Grazie..ciao!

Daphne ha detto...

Giò:
Grazie! ^_^
Era davvero ottimo :)
Sapori di Puglia in piena regola ;)

Solidea:
sai che non so esattamente la "conversione" in lievito di birra? :/ Presumo corrisponda a un cubetto da 25 gr :)

pagnottella ha detto...

Grazie per le dritte!
Mammuzza mia, di solito, lava le foglie più grandi le asciuga con cura poi le trasferisce in un contenitorino che infila in freezer...
La tua è una bella novità!...suggerire madre alternativa ;-)

Daphne ha detto...

Pagnottella:
Anche mia mamma fa così,però sai che..il profumo e il sapore del basilico lasciato in foglie intere tende a svanire attaccato dal ghiaccio che inevitabilmente si va a formare O_o
Invece sottoforma di cubotto con un pochino d'olio non so pekkè aiuta a preservare il saporino ^_^
Poi, per esempio quando faccio il pomodoro fresco, ne "lancio" uno nella pentola e si scioglie e ..snif sniffff..profumooo :D
Smacckete ^_^

fiOrdivanilla ha detto...

ecco ecco sono pronta per provarlo! :D vorrei provarlo a fare oggi... ho delle domandine che mi frullano in testa...
allora il basilico intanto.. lo hai messo cmq in entrambe le pagnottelle giusto? solo che in una hai aggiunto anche i semini e nell'altro no. E' così?

poi: Ogni panetto sarà suddiviso a sua volta in tre pezzature di peso più o meno uguale; stendere ogni pezzatura fino ad avere 3 rotolini con i quali andremo a formare le nostre trecce.
ogni panetto lo divido in tre, così da farci con ognuno una treccia... ma per stenere ogni pezzo intendi 'arrotolarlo' no? no perché con 'stendere' io ho in mente il momento in cui si allarga l'impasto sul piano, come ad esempio dicevi all'inizio (stendere l'impasto e poi fare le pieghe). Scusa sono domande sceme ma io sono fissata col volevo capire tutto nei minimi dettagli..:')

Daphne ha detto...

Fiordivanilla:
Buondì :)
Rispondo con ordine alle tue domande.
Il basilico lho messo in entrambe le pagnottelle giusto si; come tu stessa hai detto in una ho aggiunto anche i semini...nell'altra no :)

Per quanto riguarda le pezzature...tre, diciamo allora che ognuna di esse le allargherai con le mani fino a ottenere dei rotolini i quali intrecciati tra loro formeranno appunto la treccia :)

La 4ta foto dovrebbe rendere l'idea :)
Fammi sapere se hai altri dubbi ^_^
E soprattutto fammi sapere se ti son piaciute..baci!

fiOrdivanilla ha detto...

ahhhh ho capitoo! "la allargherai fino ad ottenere..." allargarli nel senso di allungarli rotolandoli sul piano di lavoro! :D grazie tesoro scusa la mia scemenza ^_^

fiOrdivanilla ha detto...

che dici?

però ho toppato in fase di spezzettatura uff. E poi i rotolini li ho fatti a mio parere troppo piccoli e di conseguenza non sono venuti così belli grossi. Però almeno la prox volta so dove correggermi: perché in fin dei conti mi ha soddisfatto tantissimo questa treccia. Aggiungerei un poco più di sale anche, perché - ahime' - a me piace ;P

izn ha detto...

Mamma mia quanto amo il libro di Bach che hai citato. E come è vera e profonda nella sua semplicità la frase che hai trascritto.