mercoledì 1 luglio 2009

La sperimentazione continua

Ci ho messo un po' a pubblicare tutto,purtroppo da ieri non sono dell'umore ma ormai avevo promesso.
"Una promessa è una promessa", dico sempre così.
Così mi sono messa ugualmente a sistemare le foto,quello che volevo scrivere in questo post nel frattempo mi girava in mente con la certezza che oggi avrei messo giù esattamente l'opposto.
A volte perdo facilmente l'ispirazione.
Prima che succeda...
-
...per arrivare a questo nuovo risultato stavolta ho seguito i gentili consigli di Pippi che mi ha suggerito un nuovo metodo per una corretta lievitazione;io infatti, lasciavo che l'impasto restasse al caldo troppe ore prima di riprenderlo e infornarlo, ne derivava un pane/focaccia piuttosto alveolato ma ancora compatto e dal sapore sì buono ma con una tendenza leggermente acidula.
Pippi mi ha così spiegato che non sono necessarie tutte quelle ore di lievitazione quando si utilizza la pasta madre perchè così facendo si innesca una sorta di processo al contrario.
Se lievita troppo fuori non lievita in forno e così il pane risulterà non solo meno morbido ma con un sapore più forte.
-
La mattina della partenza ho così prodotto due "nuove" cose seguendo nuovo metodo:il pane (posterò il risultato più avanti) e, essendomi avanzata della pasta madre...queste buonissime brioches che già Pippi aveva fatto prima di me.
-
Come spesso vi capiterà di leggere, la mia intolleranza al nickel mi "vieta" alcuni ingredienti, tra cui le uova.In questo caso, trattandosi di un uovo soltanto ho deciso di mettercelo lo stesso sapendo che non avrebbe creato problemi. Agli ingredienti di Pippi ho solo apportato qualche piccolissima, quasi inesistente modifica a mio gusto personale...

...nulla di che.

Ingredienti:

°150 gr di pasta madre rinfrescata la sera prima

°500 gr di Manitoba

°50 gr di burro a basso contenuto di colesterolo (eheheh)

°100 gr di zucchero aromatizzato con i baccelli di vaniglia

°150 gr di latte di riso

°1 uovo di media grandezza

°1 cucchiaino di miele

°1 pizzico di sale

-

PROCEDIMENTO: Sciogliere il lievito madre nel latte leggermente intiepidito; a parte sbattere l'uovo, unire il burro fuso e un cucchiaino di miele e dopo aver amalgamato aggiungere il tutto al lievito sciolto.

A questo punto,versare uno strato di farina; a seguire tutto lo zucchero poi il resto della farina che lo andrà a coprire e solo per ultimo il sale (in modo che non arrivi a contatto diretto con il lievito).

Fatto ciò,impastare con un po' di impegno per almeno 20 minuti(forse andrebbe fatto per più tempo, se non siete stanchi andate avanti). Io non ho una macchina per il pane che lo faccia al posto mio ma se devo essere sincera lo trovo talmente rilassante che ne faccio volentieri a meno.

Porre l'impasto, coprendo con un canovaccio,in un luogo caldo per almeno 5 ore. Trascorso questo tempo possiamo preparare le nostre briosches. Dividere in due parti la pasta lievitata e per ogni parte rifare le pieghe di tipo 2 per almeno due volte(volevo che si inglobasse più aria del solito infatti ci ho messo un po a stendere per bene entrambe le parti ma poi nè valsa la pena).

Con il mattarello stendere le due parti dando loro il più possibile una forma circolare e con il taglia pizza ricavare dei triangoli.
Decidete a vostro piacimento il ripieno di ogni triangolo.
Io ne ho fatti una parte vuoti, un'altra ripieni di marmellata di arance fatta dalla mamma e scagliette di cioccolato fondente (nickel pure qua); ancora, crema di amarene alla grappa di amarena che avevo usato per le Briosches Sicindiane (senza ricotta) e per finire qualcuna ripiena di Dulce de Leche al latte di Cocco, che trovate qui.
-
Una volta "conditi" con il vostro "peccato di gola" preferito cominciare ad arrotolare i triangoli partendo dalla base.
Spennellare la superficie di ogni brioschina con un emulsione di latte di riso e zucchero; su quelle vuote ho sparso un po di zucchero di canna tipo Perù (Alce nero) che essendo particolarmente fitto e compatto, nonchè di un bel colore piuttosto scuro, lascia un effetto visivo gradevole.
Porre le briosches in una teglia foderata di carta da forno (io avevo dimenticato di comprarla e ho sparso un po di farina sul fondo affinchè non si attaccassero in cottura).
Lasciar lievitare ancora per almeno 3 ore fino al raddoppio.
Preriscaldare il forno a 180° e infornare per 15/20 minuti finchè saranno ben dorate in superficie.
Io ho preso l'abitudine di mettere sempre il famoso pentolino con acqua(uso uno stampo per plumcake) sul fondo del forno e devo dire che ho notato un buon risultato.
-
Concludendo...
...le brioschine non riuscivo a fotografarle senza che il loro profumino mi distraesse O_o
Ne ho portate un po' in viaggio, sia all'andata che al ritorno e non ho resistito a mangiarle in entrambi i casi.
Posso certamente dire che non cè più traccia del classico retrogusto acidulo che lascia a volte il lievito naturale ma con qualche accorgimento in più voglio migliorare ulteriormente la consistenza, perchè se è vero che erano soffici e fragranti appena cotte, una volta raffreddate riprendono ad essere leggermente (stavolta un po meno) compatte.
Ulteriori indicazioni? ^_^
Le aspetto tutte qui...
-
...mentre voi pensate io mi mangio una (forse più d'una) fetta di focaccia appena sfornata.
.oO(ho come l'impressione che di questa non vedrete nemmeno una foto..emmh O_o)
-

Diceva un foglio bianco come la neve: "Sono stato creato puro, e voglio rimanere così per sempre.Preferirei essere bruciato e finire in cenere che essere preda delle tenebre e venir toccato da ciò che è impuro." Una boccetta di inchiostro sentì ciò che il foglio diceva, e rise nel suo cuore scuro, ma non osò mai avvicinarsi. Sentirono le matite multicolori, ma anch'esse non gli si accostarono mai.

E il foglio bianco come la neve rimase pure e casto per sempre -puro e casto- ma vuoto.

(KAHLIL GIBRAN)

7 commenti:

Onde99 ha detto...

Le tue brioches sono venute molto molto bene... non ho idea di come si gestisca il lievito madre, ma a occhio dire che sei già a un buonissimo punto!

Tania ha detto...

Sai che mi ero persa l'anteprima!? E meno male :-D, si perché sono una gran curiosona io, aspettare (anche un po') per vedere questi bei cornetti sarebbe stata dura!
Mi pare che gli esperimenti procedano benissimo!

Claudia ha detto...

nessun consiglio da dare purtroppo, 'gnorante sugnu e non me ne intendo, giusto due o tre cosine e senza lievito madre, figurati a che stadio sono ahahahah
grazie per aver mantenuto la promessa.
anch'io lo dico sempre a mia figlia e spesso questa frase mi torna indietro come un boomerang quando meno me l'aspetto è severissima lei ahahahahah
buoni devono essere buoni a giudicare non dal profumo perchè aimè, ancora non hanno inventato il software, ma dalle foto stratosferiche e dalle bricioline nell'ultima, che non ho capito se era della focaccia ma poco importa qualunque cosa bona era!
ahahahah
:*

Daphne ha detto...

Onde99:
Grazie ^_^

Tania:
Oggi le rifaccio, son cocciuta io, devo scoprire anche il minimo inghippo :D
E poi non ho più niente per colazione O_o

Claudia:
Le fotine potevano venire meglio mannaggia...ma quel giorno ero incasinata tra la roba per la partenza,la corsetta prima di partire,le ore di lievitazione e inforna e sforna O_o
...e assaggia..emmh..

Mi sono trattenuta solo perchè dovevo correre e volevo evitare di svenire col cibo sullo stomaco :D

Eqquindi tra la gola e gli impegni mi son messa a fare click click velocemente.
Ma tu distratta sei peròòò..
..essèthodetto che quello è lo zuccheroooo
UAHAHAHAH! ^_*

.oO(la focaccia..emmh...finita)

Claudia ha detto...

scusa ho riletto perchè distratta son distratta lo confesso ma mi sono persa... dove l'hai detto che quello è lo zucchero, con il nasone ho pensato che quel piatto appartenesse alle brioches, però poi hai detto che della focaccia non avremmo visto nemmeno la foto e poi c'era il piatto vuoto quindi feci un due più due ma non mi risultava quattro e mi confunnivi ahahahahah
sono sicura di aver confuso anche te adesso ahahahahah
:*
cla
buona palestra brucia gassi :D

Daphne ha detto...

Claudia:
Ommarù che ridere! uahahah :D
E' vero, io no detto che quello è lo zucchero :D
EPPERò lo fu..lo è insomma :D
è lo zucchero Alce nero che ha i granelli così,lho messo sulle brioschine, vedi fotina sopra?
Messo anke link allo zucchero ^_^

Però poi parlai pure di focaccia che mi stavo pappando e così forse confusi le idee O_o
Mo so confusa pure io si ahahah...

Quello(lo zucchero) fatto proprio così, pare come fossero briciole di pane e devi star attenta a quanto ne usi perchè è molto dolce O_o

Emmh..ok ok vado in palestra,preparo borsone :D
Baci! ^_*

Claudia ha detto...

:)
chiarito il busillisi
*